Venezia - KM. 110

L'esperienza

Venezia è la regina. Non esistono parole adeguate per raccontarla. Il filosofo Nietzsche ha scritto: “Se dovessi cercare una parola che sostituisce “musica” potrei pensare soltanto a Venezia”.

E il visitatore, anche solo di passaggio, viene definitivamente e inevitabilmente rapito dalla sua bellezza, dai suoi monumenti, dalle opere d’arte, dalla sua “musica”, appunto.

Piazza San Marco, cuore della città, importante complesso urbanistico e architettonico, prende il nome dalla celebre Basilica, la “Basilica d’Oro”, così definita per i suoi scintillanti mosaici, sormontata da cinque cupole bizantine. Il vasto spazio si apre da un lato verso la laguna e dagli altri è delimitato dall’alto Campanile e dai prestigiosi palazzi storici delle Procuratie Vecchie e Nuove e Palazzo Ducale.

Poco lontano, l’elegante Ponte dei Sospiri è tappa obbligata del romantico giro in gondola che tradizionalmente risale il Canal Grande, la principale via d’acqua della città, che è attraversata dal Ponte di Rialto, uno dei luoghi più vivi e curiosi della città.

Venezia è da a vivere a piedi, dimenticando la cartina e le direzioni, perdendosi nell’intrico di calli, in quel sali e scendi di ponti, per scoprirne i tesori della barocca Madonna della Salute, delle Gallerie dell’Accademia, che accolgono i capolavori dei pittori veneziani tra il Trecento e il Settecento e della Scuola di San Rocco, con lo straordinario ciclo di tele del Tintoretto.