Cordovado - KM. 35

Cordovado - KM. 35

Sono il castello, sorto sulle antiche vestigia di un castrum romano a guardia della via Augusta, l’area dell’antica pieve di Sant’ Andrea, costruita nel 1454 dopo la devastazione causata dalla peste, l’ area del seicentesco Santuario della Madonna delle Grazie e il convento dei Padri domenicani, a collegare il “Borgo più antico”, situato in area fortificata, al “Borgo Nuovo” sorto in epoca rinascimentale.

Dal castello di Cordovado, magnificamente conservato, è possibile ammirare l’ambito esterno costituito dal fossato, dai ponti di accesso in muratura, dalle due caratteristiche torri e dalle mura di cinta che, ancora oggi, racchiudono al loro interno splendide dimore storiche risalenti al XIII e XIV secolo. Tra queste spicca il palazzo Piccolomini-Freschi: risalente alla fine del 1500, fu costruito sulle vestigia medievali secondo il classico schema architettonico veneziano con salone passante centrale. Il palazzo è circondato da un meraviglioso parco ottocentesco visitabile in occasione della manifestazione “Castelli aperti”. Sempre all’ interno del borgo troviamo anche il palazzo Agricola e la piccola chiesa medievale, recentemente restaurata, che conserva un affresco attribuito alla scuola di Giotto.